Viral = leve persuasive = business. Analisi di uno spot creativo Samsung appena nato

Spot Viral marketing

Quando uno spot diventa virale e genera business per un brand?

Nel nuovo contesto sociale si osservano fenomeni che portano blog e video ad avere una diffusione in linea con quella dei mass media, a volte anche con un maggiore potere persuasivo. Spesso, infatti, si assiste all’insuccesso di video di ottima produzione e al successo di video realizzati con investimenti limitati.

Sono le emozioni che oggi reggono in piedi questo nuovo contesto.

Nonostante i più grandi sociologi del mondo studino il fenomeno con estrema attenzione, a oggi non esiste una formula che garantisca la riuscita di un’attività del genere … soprattutto in assenza di sfere di cristallo magiche! Casi diversi di successo, vedi Coca Cola, Levi’s Taking Live (con 76 milioni di visualizzazioni), Synoptik “Need glasses?”, o Pennello Cinghiale per rimanere in casa nostra, hanno tra loro differenti forme di diffusione e non sono confrontabili e riproducibili: ogni caso è unico.

I casi di successo citati, ma anche tantissimi altri, dimostrano che non bastano una buona produzione e un video interessante, ma è necessario implementare meccaniche che utilizzino leve persuasive. Robert Cialdini parlerebbe di reciprocità, coerenza, riprova sociale, simpatia, autorità, scarsità.

In queste ultime ore si fa tanto parlare del nuovo spot Samsung.

Se poco tempo fa la casa coreana ridicolizzava gli utenti Apple per essere dipendenti dalla batteria limitata (“abbracciamuri” diceva), dopo le anticipazioni sul nuovo modello Apple che uscirà in autunno, tocca ora allo schermo. Samsung non perdona!

La battaglia a suon di spot creativi tra #Samsung e #Apple funzionerà?

Sulla base del filosofico concetto noto sin dalla notte dei tempi “il mio è più grande del tuo”, Samsung ha realizzato un nuovo spot virale chiamato “Screen Envy”, appunto “Invidia dello schermo”. Insomma, non gliele ha mandate a dire.

Ecco la storia: due amici si incontrano in un bar e uno commenta i rumors sul nuovo schermo in vetro zaffiro dell’iPhone 6 che sarà più grande di quello attuale. Al sentire ciò, il proprietario del Galaxy, con grande scaltrezza, gli risponde che, rispetto al suo, il futuro nuovo iPhone è già vecchio.

Facciamo una prova e osserviamo il video come farebbe Cialdini.
Scopriamo che tipo di ingredienti usa:

Coerenza: questo secondo spot mira a mantenere un’immagine del brand smart e di alta qualità.

Riprova sociale: già migliaia di utenti ne hanno usufruito, perché non dovrei farlo anche io?

Simpatia: chi è più simpatico, di solito, risulta essere anche più persuasivo e, di conseguenza, rappresenta tratti positivi.

Autorità: quella assunta dal brand Samsung e dal Galaxy S5.

Non è certamente il miglior spot di sempre che Samsung abbia realizzato, ma ha dalla sua ironia e divertimento. Ce la farà la casa coreana a convincere gli indecisi e a portarli a sé con la simpatia di questo spot viral?

… to be continued!

http://youtu.be/QSDAjwKI8Wo

     

Partecipa alla discussione

Non è stato inserito ancora nessun commento, inizia tu!