Pantone Living Coral, in Italia va di moda da sempre

You-n incontra il Pantone Living Coral!

Pantone Living Coral 2019

Il Pantone 16-1546 è il colore dell’anno 2019.

Eletto da poco, il “Living Coral” è destinato a prendere il sopravvento in ogni campo della moda e del design. Ma come nasce il colore dell’anno?

Con lo spirito giocoso che ci contraddistingue, scopriamo insieme una tonalità socievole e vivace che noi italiani amiamo da sempre.

Un annuncio sempre molto atteso da designer, professionisti e consumatori di tutto il mondo. Ed eccolo finalmente: con le sue note vivaci e accese, PANTONE 16-1546 Living Coralsimboleggia la nostra necessità innata di ottimismo e allegria e incarna il nostro desiderio di espressione giocosa”, come dichiarato dallo stesso Pantone Color Institute.

Ma come nasce la scelta di un colore in grado di rappresentare le tendenze di un intero anno?

 

PANTONE: L’EMOZIONE DI UN’EPOCA IN UN SOLO COLORE

Ogni anno il Pantone Color Institute mette in campo i suoi esperti. Per nove mesi un team specializzato effettua una minuziosa analisi delle tendenze e delle nuove influenze cromatiche negli ambiti più svariati: moda, spettacolo, nuove correnti artistiche, innovazioni tecnologiche, nuove texture e materiali emergenti.

Vengono presi in considerazione i nuovi stili di vita, le destinazioni di viaggio più popolari e le tendenze nelle maggiori piattaforme di Social Media per una fotografia cromatica precisa e istantanea della nostra società.

Un lavoro lungo e dettagliato capace però di condensare in un solo colore lo “zeitgeist” (lo spirito del tempo) e il clima intellettuale di un intero anno.

Dopo l’enigmatico e contemplativo Ultra Violet 18-3838 del 2018, è il tempo dunque del Living Coral 16-1546, una nuance pastello che promette il paradiso. Luminoso e fresco, con una tonalità leggermente dorata, è indubbio: il Living Coral coinvolge al primo sguardo.

Un vibrante rosa corallo che ci emoziona con una tenerezza tutta retrò. Una tonalità che trasmette affetto e rifugio con un immediato richiamo alle barriere coralline e al loro variopinto ecosistema.

In un panorama dominato dalla tecnologia, ecco un colore che ci parla di natura, di tramonti infuocati sul mare, un invito a recuperare la gioia delle cose semplici.

Ma come nasce il Pantone?

 

PANTONE: LA RIVOLUZIONE DEL COLORE

Come tante invenzioni, anche le eleganti mazzette con i rettangoli in codice sono giunte sulle nostre scrivanie grazie ad una frustrazione.

L’origine dei colori Pantone risale al 1963 ma tutto ebbe inizio in una New York degli anni ‘50, da una piccola azienda di stampa, la M&J Levine Advertising e grazie all’ingegno di un giovane dipendente part-time: Herbert Lawrence.

Fresco di diploma, il giovane Herbert utilizzò le sue conoscenze di chimica per semplificare e catalogare gli stock di pigmenti e, nel 1962 , ormai stanco delle proteste dei clienti che non trovavano corrispondenza tra le tonalità scelte e quelle dei lavori finiti, decise di creare un sistema di classificazione dei colori che fosse universale.

Herbert Lawrence fondò così la Pantone Inc. e diede vita ad un sistema di classificazione cromatica, che ha rivoluzionato non solo il lavoro degli stampatori, ma anche, e soprattutto, il lavoro dei designer.

I colori Pantone sono composti da un codice di due campi separati da un trattino. Il primo, un numero a due cifre, identifica la famiglia di appartenenza (ad esempio i rossi o i blu), mentre il secondo ne specifica la tonalità esatta.

Il sistema Pantone ha permesso a tipografi, editori e designer di tutto il mondo, di riprodurre all’infinito una medesima tonalità e di ottenere soprattutto una corrispondenza perfetta tra il colore visualizzato sul display e quello stampato.

Un sistema di catalogazione diventato ormai uno standard internazionale e un punto di riferimento per la gestione dei colori in qualunque settore.

In pochi lo sanno ma … Pantone non è stato il primo!

 

PANTONE, IL DIZIONARIO CROMATICO CON UN ANTENATO CHE IN POCHI CONOSCONO

Pantone ha ideato un linguaggio universale e reso più semplice la vita di tutti noi, però in pochi conoscono la prima vera guida della storia del colore.

Parliamo di un libro del 1692 ritrovato in Francia dallo studioso Erik Kwakkel, intitolato: Traité des couleurs servant à la peinture à l’eau. Un catalogo meraviglioso e, se consideriamo l’epoca in cui è stato prodotto, un’impresa a dir poco grandiosa.

Il libro infatti è scritto e dipinto interamente a mano, con la tecnica degli acquerelli, da un artista di cui conosciamo soltanto il nome, A. Boogert.

Una piccola meraviglia di 800 pagine, dove troviamo spiegazioni sull’uso del colore, indicazioni dettagliate su come ottenere diverse sfumature e varie tonalità aggiungendo precise quantità di acqua. Insomma una vera e propria guida all’uso del colore, che precede la più famosa Pantone Color Guide.

Con i suoi 1.144 colori standard, cui sono stati aggiunti nel 2007 altri 2.000 colori, la Pantone Color Guide rappresenta il dizionario cromatico per eccellenza.

Un linguaggio straordinario che è diventato nel tempo un vero oggetto di culto fra i creativi e i designer di tutto il mondo.

 

PERCHÉ IL PANTONE È DIVERSO?

I colori Pantone differiscono da qualunque altro modello cromatico come il CMYK o l’RGB perché non possono essere scomposti in quadricromia e non sono ottenuti attraverso una sovrapposizione: si tratta di colori originati da una pellicola piena.

Da strumento strettamente tecnico, oggi Pantone è diventato un vero e proprio Brand di culto, un punto di riferimento per tutte quelle aziende che comprendono l’importanza di una identità cromatica precisa.

L’esperienza umana viene filtrata attraverso lo sguardo ed è il colore scelto il vero biglietto da visita di un Brand. Che si tratti di un logo o della scelta della palette cromatica di un’intera strategia di comunicazione, la possibilità di identificare un colore in modo univoco rappresenta una risorsa imprescindibile.

Del resto Coca-Cola sarebbe la stessa senza il suo Rosso Coca-Cola, alias Pantone 484?

Per non parlare di Tiffany e del suo inconfondibile Blue Tiffany, in origine Pantone 1837 o del Verde Starbucks, il Pantone 3298.

Il Pantone Matching System ha fatto la storia del colore dal 1963, e continuerà ad influenzare creativi e designer per molto tempo ancora.

 

IL PANTONE NEL DESIGN

Ed è così, con la sua supremazia indiscussa, che il Living Coral è già entrato di prepotenza nei trend del momento: prodotti di punta della tecnologia, nella cosmesi, abiti, accessori e oggetti di design. Con la grinta che lo contraddistingue influenzerà il make-up, la grafica e tutti i settori che basano la propria comunicazione sul colore.

Lo vedremo primeggiare nelle scelte di design di moltissimi Brand, come ad esempio Apple che di recente ha rilasciato il nuovo iPhone Xr versione Corallo, e trionfare nel packaging dell’alta profumeria.

 

IL PANTONE NELLA MODA

Nelle collezioni primavera-estate, il Living Coral ha ispirato alcuni tra gli stilisti più eccentrici come Prada, Chanel e Marc Jacobs.

Se siete già proiettati verso la primavera, il Living Coral non potrà mancare fra i vostri acquisti, e se non vi sentite pronti per sfoggiare una camicia in questa nuance, potrete sempre ripiegare su un paio di classiche sneackers Adidas rosa corallo.

 

IL PANTONE COME ELEMENTO D’ARREDO

Non solo moda, il Pantone 16-1546 sarà il colore ispirante nel design industriale e nell’arredamento di interni, facendo capolino nei nostri appartamenti. Un colore forte e deciso, che metterà in risalto dettagli di colore come accessori, cuscini e tessili o, per i più coraggiosi, il colore di un’intera parete.

 

MA IL COLORE PANTONE È SOLO QUESTO?

La scelta del colore dell’anno è un momento sempre molto atteso, forse perché il colore è un elemento fondamentale nell’esperienza umana. E Pantone oltre ad essere un riferimento dei colori per i creativi di tutto il mondo, ci offre un’occasione per riflettere sull’importanza del colore nelle scelte quotidiane.

Il Living Coral sarà il colore dell’anno anche per noi italiani, che in qualche modo lo conosciamo e apprezziamo da tempo. Con un pizzico di allegria la nostra chiave di lettura per dare il benvenuto ad una nuance che colorerà un intero anno:

Pantone Living Coral colore dell'anno 2019

Se ti è piaciuto questo articolo, condividilo.

     

Partecipa alla discussione

Non è stato inserito ancora nessun commento, inizia tu!